Dopo la diffusione e il successo dello streaming sul web, diventa interessante la proposta di Sky con il servizio Sky Go che permette di seguire con il proprio smartphone, tablet o notebook un palinsesto dedicato. Questo tipo di servizio ha spopolato negli ultimi tempi, soprattutto per la possibilità di seguire il calcio anche fuori casa.

Vengono messi a disposizione ben 29 canali tra sport, news, documentati e shows, con la possibilità inoltre di accedere anche ad una area On Demand con diversi film o Serie TV.

Il servizio, come accade per altre pay Tv, come ad esempio il servizio Premium Play di Mediaset Premium, è riservato gratuitamente ai titolari degli abbonamenti Sky, ed è disponibile su alcuni dispositivi. Molti dispositivi sono stati esclusi poiché si tratta di un servizio che comunque richiede una certa capacità hardware del proprio dispositivo in modo da far girare fluidamente e comodamente questi programmi TV.

Quali sono i dispositivi abilitati a Sky Go?

Il sito Sky riporta alcuni dispositivi in grado di supportare il servizio, tra tablet, smartphone e sistemi operativi specifici:

  • Apple iPad: (1, 2, il nuovo iPad e l’iPad mini) con sistema operativo iOS 5 e iOS 6;
  • Samsung Galaxy Tab 10.1 (1, 2 e 3) Samsung Galaxy Note 10.1 (distribuiti in Italia da Samsung Electronics Italia SpA) con sistema operativo Android Ice Cream Sandwich e Jelly Bean.
  • PC: Windows XP SP3 o superiori, Vista, Windows 7 e Windows 8;
  • Mac: con sistema operativo OS 10.6, 10.7 o 10.8.

Per i canali live:

  • Apple iPhone (3GS, 4, 4S, 5) con sistema operativo iOS 5 e iOS 6;
  • Samsung Galaxy S4, Galaxy SIII, Galaxy SII, Galaxy SII Plus, Galaxy Note I e Galaxy Note II (distribuiti in Italia da Samsung Electronics Italia S.p.A.) con i sistemi operativi Ice Cream Sandwich e Jelly Bean. Non fatichiamo a pensare che anche l’appena annunciato Galaxy Note III sarà abilitato a questo servizio.

Sky Go: abilitazioni, permessi e consigli pratici

Attenzione agli “smanettoni” poichè il servizio  non viene fornito per iPhone e iPad jailbroken e tablet e smartphone Android modificati attraverso attività di rooting.

L’App dovrà essere scaricata direttamente sul dispositivo,utilizzando l ‘Apple Store per iPad e su Samsung Apps, mentre al momento resta ancora non disponibile su Google Play.

Ovviamente bisogna anche valutare il tipo di traffico che si ha a disposizione in base al piano tariffario, poichè è evidente che un servizio del genere, necessita di una disponibilità di dati illimitata (o comunque almeno a 2 GB al mese come le ultime offerte degli operatori stanno proponendo) o alternativamente una più comoda copertura Wi-Fi.

get-fans-88x31






beruby.com - Risparmia acquistando online
qr gradagna con facebook
qr gradagna con facebook
Popolarità
adf.ly banner
adf.ly banner
free counters
home page
sito web